Aretusa - Aci e Galatea - La storia di Scilla e Cariddi - Tifeo il gigante - Trinacria, la storia di un simbolo - Il ratto di Persefone - Ciane e Anapo - Il canto di Dafni - La leggenda di Glauco - La Principessa Sicilia  -  'U Liotru (l'Elefante)  -  Il Re Lazzarone

a canzone di Colapesce (ritorno alla leggenda di Colapesce)


Otello Profazio, cantautore e cantastorie dialettale calabrese di genere folk, si è sempre occupato delle tradizioni meridionali e in special modo di quelle della sua terra e della Sicilia. Ha ottenuto anche un disco d'oro per aver venduto oltre un milione di copie con il suo Lp “Qua si campa d’aria”, unico caso di cantante folk che abbia mai raggiunto questo traguardo.

Su Colapesce, Profazio compose una canzone.

Questo il testo:

 

La gente Cola pisci lu chiamava,
che comi un pisci sempri a mari stava,
d’unni vinia nuddu lu sapia
forsi era figghiu di Nettunnu diu.

Un ghiornu a Cola "u rre" u fici chiamari
e Cola di lu mari dda vos’iri
- O Cola lu me regnu a scandagliari
supra cchi pidimenti si susteni

Cola pisci curri e va’
- vaiu e tornu maista’
"ccussi’ si ietta a mari Cola pisci
e sutta l’unni subutu sparisci

ma dopu un pocu a sta’ nuvita’
a lu rignanti Cola pisci da’
- ….maista’ li terri vostri
stannu supra a tri pilastri

e lu fattu assai trimennu
una gia’ si sta’ rumpennu
- … O distinu chi "nfilici
cchi svintura mi pridici

chianci u re comu aia ffari
sulu tu mi poi salvari.
Cola pisci curri e va’
vaiu e tornu maista’.

E passaru tanti iorna
cola pisci non ritorna
e l’aspettunu a marina
lu so’ rre ccu la rigina.

Poi si senti la so vuci
di lu mari superfici….
- maista’… sugnu cca….
sugnu cca o maista’

nta stu funnu di lu mari,
ma non pozzu cchiu’ turnari
vui prigati a la Madonna,
staiu riggennu la culonna

ca s’idda si spezzera’
'a Sicilia sparira’
maista’ o maista’,,,
maista’ iu restu cca.

(ritorno alla leggenda di Colapesce)

(fonti: storie e racconti da Cola Pisci, Messina Città Eroica, Colapesce portale della letteratura siciliana)


ritorno all'Home Page

Proprietà intellettuale e copyright @ Giuseppe Maria Salvatore Grifeo